Il valore degli E-sports per la formazione sportiva

 In News

L’intervista al docente SBA, l’Avv. Marco Tieghi

Una delle grandi novità inserite nella formazione calcistica di SBA è l’utilizzo degli E-sports. Abbiamo incontrato l’Avvocato Marco Tieghi, Managing Director&Co-Founder di SportsGeneration, uno dei docenti del Corso per osservatore calcistico, che ci ha spiegato nel dettaglio di cosa si tratta e quali sono i vantaggi per la formazione degli allievi.

Cosa sono gli E-sports e in che modo possono essere un valore aggiunto per l’analisi sportiva?
Gli E-sports sono conosciuti in Italia come gli sport/giochi elettronici competitivi. Si tratta di piattaforme di gioco virtuali fondati sull’elemento competizione: ormai in tutto il mondo vi sono tornei nazionali e internazionali competitivi, dove veri e propri team E-Sports si sfidano come nello sport tradizionale. Ci sono gare che avvengono tra un giocatore e un software o tra più giocatori verso altri, quindi disposti in singolo o schierati in squadre alla conquista di un obiettivo comune. Ad oggi sono centinaia i videogiochi che compongono il panorama degli E-Sports. I team E-sports sono organizzati come un tradizionale club di calcio, con il management di direzione, direttori tecnici, marketing managers, allenatori, mental coach, nutrizionisti, giocatori/e-gamers e gli scout. A proposito di scouting, esistono meccanismi di scouting digitale per andare alla ricerca e scoperta degli e-gamer migliori. Per questo è importante avere una forte conoscenza ed analisi sportiva in tal materia.

Come avviene il loro utilizzo nel percorso formativo?
Nascono sempre più scuole di specializzazione del settore E-Sports. Nel prossimo futuro in Italia verranno coinvolte anche le Università come già succede ad esempio negli Stati Uniti.

Com’è stato accolto questo strumento dagli allievi?
Gli allievi sono sempre molto interessati quando si comincia a parlare di E-sports e delle dinamiche intrinseche. Questo perché è un movimento sempre più in crescita, che coinvolge non solo i più giovani ma anche la fascia di età media. Con la professionalizzazione del movimento E-Sports, vi sarà sempre più bisogno di nuove figure professionali.

In che modo sta cambiando il settore sportivo a seguito anche di questi nuovi tool?
Il settore sportivo tradizionale si sta scontrando ed incrociando sempre più con il mondo degli E-Sports. Questo strumento può essere utilizzato dallo sport tradizionale anche come mezzo di marketing per andare a colpire un pubblico che non lo segue più. Si vedano i casi più rilevanti nel calcio, come i club quali il PSG e lo Schalke04 che hanno creato all’interno della società un vero e proprio dipartimento E-Sports, con giocatori che vestono la maglia del club di appartenenza con addirittura sponsor di maglia diversi da quello ufficiale del calcio.

Quali competenze o caratteristiche sono richieste oggi ai ragazzi che vogliono lavorare in questo settore?
Il settore E-sports richiede svariate competenze, dal business management al marketing puro, dal digitale/tech alla competenza di uno scout vero e proprio.

Post recenti

Leave a Comment

intervista salomone sport business academybruno-randazzo-osservatore-calcistico-sport-business-academy
it Italian
ar Arabiczh-CN Chinese (Simplified)nl Dutchen Englishfr Frenchde Germanit Italianpt Portugueseru Russianes Spanish